Blog

Blog

Mercoledì, 11 Giugno 2014 15:47

Come allenare le braccia

È fondamentale mantenere il fisico in forma, dato che bisogna cercare di restare allenati e di essere in grado di compiere movimenti. Per riuscirci bisogna seguire un'alimentazione sana e corretta, con i cibi assunti nelle doti giuste. Ma non solo: bisogna svolgere molta attività fisica per mantenere il nostro corpo sempre ben allenato. Anche le braccia hanno bisogno di essere tenute in condizioni perfette, con i muscoli tricipiti e bicipiti che devono sempre essere tonificati per evitare l'effetto per il quale la pelle tende a penzolare. Ci vuole molto? Assolutamente no. Le braccia possono diventare toniche in poco tempo grazie all'aiuto di due semplici pesi, o anche di due bottiglie d'acqua. Si tratta di un insieme di movimenti facili da compiere per fare in modo che gli arti superiori si abituino a sollevare pesi e si rimettano totalmente in forma. Le braccia rischiano di diventare atrofizzate se si compie una vita totalmente sedentaria e non si ha neanche la voglia di iniziare a muoverle, con il tono muscolare che inizia a diminuire e la pelle che inizia a creare l'effetto tendina. Questa serie di attività si può tenere a casa, ma ci sono altri esercizi in piscina e in palestra che possono aiutare.  
Non tutti sanno cosa siano le linee vita e quanto siano in grado di mettere in sicurezza la vita delle persone che, per un motivo o per l'altro, hanno la necessità di avventurarsi sui tetti.Da un decreto legislativo del 2008, le Regioni sono state invitate ad applicare, sul proprio territorio, normative che prevedano l'installazione di dispositivi anticaduta per coloro che operano sulle coperture.Numerose aziende italiane hanno ideato l'eccellenza di tali prodotti. In cosa consistono le linee vita Si tratta, sostanzialmente, di un punto di ancoraggio multiplo al quale l'operatore si imbraca attraverso specifiche funi. Queste possono essere di vari tipi: fettucce di corda, valide soprattutto per lavori temporanei e poco frequenti; funi di acciaio zincato; funi di acciaio inox, resistenti e non ossidabili, che possono comodamente venir riavvolte e lasciate in loco per lavori futuri.
Degli impianti fotovoltaici e dei loro pregi in quanto a risparmio energetico ed ecosostenibilità, si sente parlare sempre più spesso. È fuori di ogni dubbio che il futuro, per il nostro ambiente, è in una scelta consapevole che lo rispetti e ne riduca l'impatto inquinante su di esso. Non a caso, i governi di molti paesi mettono in atto una serie di incentivi per incoraggiare tale scelta. Ma qual è il Paese in cui gli impianti sono più utilizzati? Qual'è il Paese più conveniente per investire in impianti fotovoltaici? Economie stabili come quelle di USA e Giappone, danno sicuramente fiducia e permettono di potere investire in un lungo periodo. Negli Stati Uniti, in particolare, il mercato del fotovoltaico è liberalizzato e si assiste ad una fortissima richiesta di energia pulita. Gli USA, quindi, si qualificano al momento il Paese più conveniente in cui investire. Qui, non esistono tariffe ma accordi di Power Purchase Agreement o PPA. Grazie a tali accordi, l'energia prodotta può essere rivenduta a prezzi davvero competitivi.La scelta del mercato in cui si intende investire deve essere comunque ponderata dopo avere analizzato tutto il contesto ambientale.
Chi ha un'azienda o sta pensando di avviare un'attività propria, sa che il logo aziendale è come un biglietto da visita che comunica immediatamente delle informazioni al target di clienti al quale la stessa azienda intende rivolgersi. Proprio per la sua importanza comunicativa, la sua creazione è finalizzata a tale scopo e non è un semplice esercizio creativo. La scelta di un logo aziendale descrive e racconta l'azienda Attraverso la scelta di forme, colori, simboli e caratteri, chi si occupa della creazione di un logo aziendale fa in modo che questi si armonizzino e diano vita ad una creazione che ha lo scopo di mostrare l'identità di un'azienda e la renda subito riconoscibile al consumatore. Il logo descrive la stessa azienda, parla della sua mission, ne racconta la storia, ne trasmette i valori.Per capirne l'importanza, basta pensare al logo aziendale di grandi brand: attraverso la semplice visione di questi, il nostro cervello è aiutato a mettere in atto tutta una serie di associazioni che rimandano al prodotto o servizio offerto e alle diverse peculiarità.
L'acciaio inox ha un secolo di vita. Anzi, per l'esattezza 101 anni, essendo stato scoperto dall'inglese Harry Brearley, nel 1913. Tanti o pochi che possano sembrare, questi anni hanno comunque rivoluzionato il nostro modo di vivere. La curiosità, spesso alla base di scoperte e invenzioni, portò Brearley a sperimentare miscele sempre diverse, nella speranza segreta di realizzare un tipo d'acciaio che resistesse alla corrosione.Alla fine, come nelle migliori favole, l'impresa gli riuscì. L'acciaio, che è una lega di ferro e carbonio, subì una variante e la ricetta si arricchì del cromo che, legando con l'ossigeno, forma una sottile pellicola trasparente, in grado di proteggerlo dalla ruggine. La ricetta dell'acciaio inox Brearley, quindi, introdusse cromo nella lega di acciaio, nella misura del 12,8%, abbassando contemporaneamente la percentuale di carbonio allo 0,24. Nacque così un nuovo tipo di acciaio, che per le sue caratteristiche di non ossidarsi, dette passivazione, poté essere impiegato con successo nei più svariati ambiti.
Spesso si è vittime di illeciti da parte delle banche che applicano interessi anatocistici ovvero interessi su interessi, a volte senza che sia possibile esserne a conoscenza. Essere al corrente di tutto ciò serve a difendersi e a vedersi restituito ciò che è stato indebitamente tolto. Cosa si intende per interessi anatocistici sui mutui? Il termine anatocismo riguarda la capitalizzazione degli interessi su un capitale i quali produrranno, così, altri capitali. In parole povere e per essere comprensibile a tutti, è il calcolo degli interessi sugli interessi, definiti "composti" nella prassi bancaria. Capitalizzare gli interessi, ad ogni scadenza di pagamento, anche se sono pagati regolarmente, è un esempio di interessi anatocistici che viene applicato sui mutui quando, su rate scadute comprensive di quota di interessi, vengono calcolati interessi di mora, determinando una crescita esponenziale del debito.
Pagina 5 di 5