Mercoledì, 08 Marzo 2017 13:16

Sbiancamento denti: quante volte all'anno è bene sottoporsi al trattamento?

Scritto da 
Tra miti e leggende metropolitane, non sono pochi coloro che vorrebbero avere informazioni realistiche e veritiere sullo sbiancamento denti, un trattamento questo diffuso un po’ in tutto il mondo, molto apprezzato da chi desidera un sorriso ammaliante e luminoso.Le opinioni relative a questo trattamento sono le più differenti e disparate. Urge, dunque, fare un po’ chiarezza una volta per tutte.Per farlo è bene prendere le mosse dalle opinioni di chi, in questo settore, ci lavora, spendendo sacrifici e mettendo in campo le proprie valide competenze, come gli specialisti dello studio dentistico Croazia, ormai apprezzati in tutto il mondo per l’ottimo rapporto qualità/prezzo dei propri servizi.Dunque, facendo tesoro delle conclusioni tratte da questi esperti, cerchiamo di dare qualche risposta in merito al servizio di sbiancamento denti.

Quanto tempo dura lo sbiancamento dentale eseguito dal dentista?

Lo sbiancamento denti non è permanente. La durata, però, varia da caso a caso e su di essa concorrono molteplici e diversi fattori: per chi fuma abitualmente, ad esempio, o per chi è solito bere molti caffè o bevande che causano un cambio di colorazione, la durata dell’effetto sbiancante del relativo trattamento può arrivare a durare poco più di un mese.
Coloro che, invece, evitano fumo, cibi e bevande che macchiano i denti, possono beneficiare degli ottimi risultati dello sbiancamento per un anno o più.

Quanto dura lo sbiancamento denti “fai da te”?

Esistono importanti e significative differenze tra lo sbiancamento denti rimesso al fai da te e quello eseguito dal dentista, non solo in termini di sicurezza, accuratezza e prevenzione, ma anche dal punto di vista della durata.
Ad influire su quest’ultima è, infatti, anche la forza dell’agente sbiancante utilizzato.
Gli agenti sbiancanti “casalinghi” hanno un’efficacia decisamente inferiore rispetto a quella dei prodotti utilizzati dai dentisti. Queste soluzioni impiegate, contengono perossido di idrogeno in concentrazioni che vanno dal 15% al 43%.
E’ naturale che, lo sbiancamento denti fai da te non potrà che durare pochissimo.

Quante volte all’anno è consigliabile eseguire lo sbiancamento denti?

Al fine di dare una risposta precisa a questo frequente e legittimo quesito, bisogna richiamare quanto detto in precedenza. Lo sbiancamento denti andrà reiterato all’anno tante volte quante si renderanno necessarie in base alla durata del trattamento stesso.
Su quest’ultima, però, concorrono diversi fattori, tra i quali, primo fra tutti, lo stile di vita (fumo, alcol, consumo eccessivo di caffè, liquirizia, ect) e l’abitudine a lavare/non lavare tempestivamente i denti dopo ogni pasto.
Ne consegue che, in tutti i casi in cui vengano omessi gli opportuni accorgimenti atti a prolungare il più possibile la “copertura” dello sbiancamento, è consigliabile, per chi desidera a tutti i costi un sorriso smagliante, sottoporsi al trattamento sbiancante almeno 3 volte all’anno.
Coloro che, invece, sono soliti prendere i menzionati accorgimenti, potranno eseguire il trattamento sbiancante anche una sola volta all’anno.

Tuttavia, fermo restando quanto chiarito, è da precisare che il grado di bianco varia da individuo a individuo e dipende anche dalla condizione dei denti, dal livello di colorazione naturale nonché dal tipo di sistema sbiancante utilizzato dai dentisti.

Letto 620 volte Ultima modifica il Martedì, 16 Maggio 2017 14:30