Martedì, 20 Giugno 2017 12:54

Elementi che caratterizzano una scala a chiocciola

Scritto da 

Cos’è una scala a chiocciola? Per definizione, una scala a chiocciola è una scala che consiste in singoli scalini, o pedate, che sono collegati con una colonna centrale. I gradini ruotano attorno questo perno centrale attraverso il quale si sale e scende dalla scala, creando una forma a spirale. Una scala a chiocciola non dovrebbe essere confusa con una scala “a curva” o una scala elicoidale, che presentano lo stesso design, ma non la colonna centrale. Questa è una definizione semplificata di ciò che è una scala a chiocciola, ma ci sono vari fattori che la compongono. Altezza, diametro e design sono i principali. Andiamo a vederli nel dettaglio.

  • Altezza: l’altezza di una scala a chiocciola può definire diversi elementi nella sua forma. Ovviamente, questa rappresenta la misura più importante per ragioni di sicurezza (se ci si vuole assicurare che il pianerottolo finale sia ben saldo come un vero e proprio pavimento). Questa misura determina anche la quantità dei gradini della scala. Per calcolare questo numero, si divide l’altezza totale della scala per l’altezza dell’alzata, o la misura dello spazio tra un gradino e l’altro. Una volta calcolata la quantità dei gradini, si può calcolare la rotazione della scala. La maggior parte delle scale a chiocciola usano un angolo di rotazione di 30 º. Questo significa che ogni scala ruota attorno al centro della colonna con un angolo di 30 º. Per calcolare la rotazione totale della scala ,va moltiplicato il numero di scalini per l’angolo di rotazione. Per esempio, se si ha una scala di 12 scalini, la rotazione totale sarà di 360 º, se gli scalini sono 9 si avrà una rotazione di 270 º.

  • Diametro: Il diametro di una scala a chiocciola può essere definito in modo semplificato come la larghezza della scala. Questo è un elemento importante del design della scala stessa in quanto è quello che determina se la scala può stare o meno nello spazio che si ha a disposizione. Le scale a chiocciola sono state inventate proprio per quelle situazioni che presentano poco spazio e disposizione, e, per questo, può risultare davvero sorprendente quanto possano risultare poco ingombranti ed essere per questo adattabili anche agli angoli più piccoli o difficili da raggiungere. Ad ogni modo il diametro minimo per la sicurezza è circa di 13 cm.

  • Design d’interni. Ci sono tre differenti tipi di materiali per le scale a chiocciola che sono tipicamente usate nel design d’interni: acciaio, ferro battuto, e legno. Mentre tutti e tre sono molto scenografici e strutturalmente sicuri, ognuno presenta degli elemeti che lo caratterizzano. Una scala a chiocciola in acciao è generalmente la più versatile in quanto può essere inserita nella più vasta gamma di design casalinghi. Una scala in ferro battuto dal canto suo è caratterizzata da un’eleganza classica e dalla possibilità di essere arricchita da elaborati dettagli come balaustre finimente lavorate. Il legno è invece il materiale che coniuga perfettamente forza e tradizione. Inoltre la morbidezza del materiale naturale aggiunge calore e charme al design della stanza.

  • Design per spazi esterni. Per gli esterni i materiali più comunente usati sono l’alluminio e l’acciaio zincato che permettono una facile manutenzione anche a fronte delle intemperie naturali. L’alluminio essendo piu facilmente malleabile presenta la soluzione più di stile e personalizzabile mentre l’acciaio è sicuramente quella che garantisce resistenza e durata nel tempo.

Letto 256 volte